DE FERRARI (M5S): “VIA LA LICENZA E ZERO TUTELE PER AMBIENTE E PESCATORI LOCALI: ECCO IL NAZARENO ALLA PESCA”

Nel 2014, ancora ai tempi della Giunta Burlando, una legge, approvata quasi all’unanimità da destra e sinistra, ha eliminato la licenza di pesca, sostituendola con la sola ricevuta del versamento di una tassa irrisoria.

I fiumi e i laghi liguri oggi sono in forte sofferenza, ridotti a meri acquari in cui nuotano per qualche giorno poveri pesci d’allevamento, immessi per rimpiazzare la preziosa fauna originaria, quasi ovunque sparita, solo per promuovere il ‘turismo ittico’.

Ciò attira nelle vallate dell’entroterra sempre più pescatori “sportivi”, la maggior parte dei quali poco o per nulla sensibili all’ambiente e agli animali e totalmente ignari dei delicati equilibri biologici dei corsi d’acqua. A tutto svantaggio dei pescatori professionisti locali, loro si legati al territorio e profondi conoscitori dei ritmi biologici dei nostri torrenti e laghi, ai quali un turismo “mordi e fuggi” sottrae quel poco di pesci sopravvissuti ai loro ami, all’inquinamento e a lavori idraulici inutili o devastanti per il nostro territorio.

Non è questo il modello di sviluppo turistico che abbiamo in mente. Il turismo lo si incentiva salvaguardando l’ambiente, i suoi equilibri ecologici, un’adeguata vigilanza percontrastare il bracconaggio (compreso quello ittico), non adottando misure che pregiudicano il futuro della Polizia Provinciale e del Corpo Forestale dello Stato o tagliando fondi per la manutenzione sentieristica. La tutela del nostro ecosistema è ormai tutto nelle mani delle guardie delle associazioni dei pescatori e delle guardie zoofile volontarie dell’Enpa.

Di fronte a tutto questo, la Regione come intende muoversi? Cosa intende fare per tutelare i pescatori professionisti locali nelle acque interne e per la tutela dell’ambiente? Noi, comeMoVimento 5 Stelle, siamo pronti a depositare un’interrogazione urgente per fare chiarezza sul tema e avere risposte concrete da Toti e dall’assessore Mai.

Il timore, più che fondato, è che qui in Liguria, dopo il Nazareno al pesto, sia già in cantiere una variazione sul tema: il “Nazareno alla pesca”. È la ciliegina sulle ormai consuete torte che il Partito Unico continua a portare avanti con compattezza inossidabile quando, scempio dopo scempio, intende giocare sulla pelle dei cittadini, dell’ambiente e delle peculiarità della nostra Regione.

Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria

Area degli allegati

Visualizza anteprima allegato CS – DE FERRARI (M5S) “VIA LA LICENZA E ZERO TUTELE PER AMBIENTE E PESCATORI LOCALI. ECCO IL NAZARENO ALLA PESCA”.doc

CS – DE FERRARI (M5S) “VIA LA LICENZA E ZERO TUTELE PER AMBIENTE E PESCATORI LOCALI. ECCO IL NAZARENO ALLA PESCA”.doc2