TRASPORTI, DE FERRARI (M5S): “STURA E ORBA, QUELLE VALLI DIMENTICATE DAI TRENI”

13 coppie di treni nei giorni feriali, 9 il sabato, 8 la domenica. Sono solo alcuni dei numeri, disastrosi, del servizio di trasporto su ferro che il nuovo orario cadenzato della Giunta Toti ha stabilito per gli abitanti delle valli Stura e Orba.

Basta un rapido raffronto con le località limitrofe per rendersi conto che ci troviamo di fronte ai numeri più bassi del servizio su ferro in Liguria! Lo hanno denunciato a gran voce i membri del Comitato Pendolari V.S.O., pressoché inascoltati, sottolineando tutti i limiti di un orario costruito sull’esigenze di pochi, ignorando quelle della stragrande maggioranza dei cittadini e dei pendolari, siano essi studenti, lavoratori o turisti.

Noi, come MoVimento 5 Stelle, lo denunciamo da tempo. E lo abbiamo ribadito oggi in Commissione III all’assessore ai Trasporti Berrino. Che ha confermato tutti i nostri timori, annunciando che la Regione non investirà ulteriori risorse. Quindi, ad oggi, le 16 coppie di treni auspicate dai pendolari non sono raggiungibili. E l’orario non è modificabile fino a giugno!

Una risposta che dimostra, una volta di più, l’indifferenza da parte della Giunta Toti ad affrontare (e a risolvere) i veri problemi dei cittadini, mentre, quando si tratta di poltrone e prebende i soldi si trovano sempre…

Quei fondi vanno tirati fuori e gli investimenti indirizzati con urgenza verso un vero servizio di trasporto pubblico sociale. E stiamo già lavorando a un’interpellanza sul tema da presentare in Consiglio regionale entro fine mese.

Di fronte a palesi disservizi e disagi collegati all’orario (s)cadenzato, ai treni “velocetti” e ai treni “lumaconi”, alle soppressioni quotidiane e ai treni fantasma, dall’Assessore Berrino pretendiamo al più presto risposte concrete!

Marco De Ferrari, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria