LA DIGA PERFIGLI FINISCE AL PARLAMENTO EUROPEO

Depositata interrogazione del MoVimento 5 Stelle a Bruxelles per chiedere nuova valutazione d’incidenza e di impatto ambientale

La Diga Perfigli finisce al Parlamento Europeo. Merito del MoVimento 5 Stelle, che ieri ha depositato un’interrogazione a firma Tiziana Beghin, in collaborazione con Gabriele Pisani (M5S Liguria), per chiedere alla Commissione competente se il progetto debba essere sottoposto a una nuova valutazione d’incidenza e di impatto ambientale.

“È l’ultimo atto di una battaglia che il M5S conduce da tempo in Regione come in Comune, per fermare uno scempio ecologico senza precedenti nel golfo del Tigullio, i cui costi sociali sono decisamente superiori ai benefici” spiegano Beghin e Pisani.

Il progetto prevede la costruzione di un argine di circa 1,5 chilometri sulla sponda di Lavagna del fiume Entella, in una zona protetta SIC.

“L’iter progettuale è terminato e la Regione sta predisponendo il bando di gara, nonostante la valutazione d’incidenza sia stata compiuta successivamente all’approvazione del progetto stesso, in violazione della direttiva europea 92/43” ricordano i portavoce pentastellati, che per questo motivo hanno chiesto alla Commissione europea una nuova valutazione d’incidenza e di impatto.

Si tratta della seconda grande iniziativa del MoVimento 5 Stelle che tocca da vicino il golfo del Tigullio, dopo l’annuncio di un’interrogazione a Bruxelles sul caso del ripascimento della spiaggia degli Archi di San Michele di Pagana.

“Prosegue la strettissima collaborazione tra la Liguria e l’Europa – concludono Beghin e Pisani – per dare una sponda istituzionale forte ai cittadini e alle nostre battaglie sul territorio, come già avvenuto qualche tempo fa in occasione del Blue Print genovese e, più recentemente, del Lotto 6 di Colette Ozotto”.

M5S Europa

M5S Liguria  

In allegato, il testo ufficiale dell’interrogazione a risposta scritta (Written Question) sulla Diga Perfigli depositata dal MoVimento 5 Stelle al Parlamento Europeo