APPROVATO L’ORDINE DEL GIORNO DEL M5S PER FERMARE IL BIODIGESTORE DI ISOLA DEL CANTONE

Pisani: “Impianto pericoloso e inutile. La Regione non autorizzi il progetto”

Approvato all’unanimità l’Ordine del giorno del MoVimento 5 Stelle che impegna la Giunta a rinunciare al progetto del biodigestore di Isola del Cantone.

“Un passo avanti importante nella battaglia per fermare un impianto non solo pericoloso, in quanto ipotizzato in un’area a forte rischio idrogeologico e troppo vicino alle abitazioni, ma anche profondamente sbagliato e privo delle caratteristiche tecniche previste dallo stesso piano dei rifiuti della Regione Liguria”.

“L’impianto di Energia srl prevede, oltre alla fase di digestione, una fase di centrifuga e successiva essicazione – ha ricordato in Aula Pisani – Tale procedimento, specie se associato a impianti di pretrattamento di rifiuti non spinto previsti dal progetto, non consentirebbe di ottenere il compost ma semplice digestato solido essiccato da avviare a centri di recupero autorizzati”.
“Tocca alla politica (Regione e sindaci in testa) garantire la salute dei cittadini, ribadendo il proprio no ad impianti impattanti e inutili sul territorio ligure – aggiunge il portavoce M5S – Non abbiamo preclusioni a priori su una tecnologia o un’altra. Ma, di fronte a prove certe di pericolosità e inquinamento, basterebbe il buon senso per non autorizzare il progetto. È ora di smettere di demandare ai privati scelte che spettano alla politica. Da Toti e la sua Giunta ci aspettiamo linee strategiche chiare e sostenibili, a cui i privati dovranno necessariamente sottostare. E non viceversa”.
Gabriele Pisani, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria