ERICSSON, SALVATORE (M5S): “TUTELARE I LAVORATORI ITALIANI, NON LE AZIENDE SVEDESI”

“Ancora una volta Renzi e Toti hanno perso l’occasione per far valere i diritti sacrosanti degli italiani, mostrandosi, invece, supini a Ericsson e alla sua logica di profitto sulla pelle dei lavoratori”.

Così Alice Salvatore interviene sulla procedura di esubero dell’azienda svedese che mette a rischio 147 posti di lavoro, nel giorno del confronto tra sindacati e governo a Roma.

“L’Italia ha il coltello dalla parte del manico con Ericsson, a cui fa naturalmente molto gola l’appalto miliardario per la banda ultralarga nel nostro paese – spiega la portavoce M5S – Un governo serio farebbe valere questa carta, ponendo come conditio sine qua non l’impegno da parte di Ericsson a mantenere produzione e occupazione sul suolo italiano, salvaguardando 147 lavoratori specializzati a Genova”.

“Invece Renzi – così come lo stesso Toti – resta a guardare inerme la delocalizzazione e la conseguente perdita di centinaia di posti di lavoro – conclude Salvatore – È arrivato il momento di battere i pugni sul tavolo e mostrare che le nostre istituzioni sono, una volta tanto, dalla parte dei cittadini italiani… e non delle aziende svedesi”.

MoVimento 5 Stelle Liguria