ORDINANZA ANTI-MOVIDA, SALVATORE (M5S): “I COMMERCIANTI ONESTI VANNO PREMIATI, NON BASTONATI”

Ordinanza anti-movida? L’ennesima presa in giro nei confronti dei cittadini onesti. Le norme esistevano già, bastava applicarle. Ma la vecchia politica ha sempre avuto nei confronti del centro storico un atteggiamento demagogico, ipocrita seppure profondamente passivo: sceriffi implacabili con gli onesti e proni nei confronti di malviventi e di chi non rispetta le regole!

È la bizzarra idea della legalità di Doria, Fiorini e Piazza, che usano il pugno di ferro con i commercianti e i contribuenti e, intanto, “legalizzano” un mercato abusivo in pieno centro storico, senza alcun criterio di trasparenza, regolarità fiscale, sicurezza. E chi negli ultimi dieci anni è rimasto in trincea per salvare i vicoli dal degrado e strapparli alla delinquenza, oggi diventa l’agnello sacrificale di una Giunta senza coraggio, forte coi deboli e debole con i forti.

In attesa del pronunciamento definitivo del Tar sul ricorso, che ci auguriamo favorevole, i risultati dell’ordinanza anti-movida sono tutti da dimostrare perché in questi giorni di “alcool regolamentato”, gli atti di violenza sono purtroppo aumentati. La verità è che chi crea problemi alla sera, l’alcool se lo porta da casa!

Se si vogliono cambiare le cose, bisogna incentivare – e non ostacolare – chi dimostra di avere a cuore il territorio, applicando criteri di premialità per i commercianti virtuosi: l’unico baluardo rimasto in piedi contro il degrado, l’incuria, la violenza e l’abbandono del nostro meraviglioso centro storico.

Ci aspettiamo, inoltre, la medesima solerzia da parte di questa amministrazione (che sabato ha inviato le forze dell’ordine in piazza delle Erbe per un concerto all’aperto…), affinché vigili sulle condizioni di degrado e violenza che affliggono quasi quotidianamente quartieri come San Pier D’Arena.

Alice Salvatore, portavoce MoVimento 5 Stelle Liguria