Melis in visita alla RSA e alle proprietà di Opere sociali a Savona

Questa mattina ho visitato l’area del Santuario di Savona, di cui buona parte degli immobili è di proprietà delle Opere sociali, tra cui il museo, la chiesa stessa, gestita dalla Curia, il palazzo delle Azzarie e gli immobili destinati al social housing. Abbiamo avuto modo di vedere pezzi museali interessantissimi.

Una parte importante della visita ha toccato la residenza protetta accreditata con Regione sia come RSA che come RP, visionandone la struttura e facendo il punto sugli ultimi aggiornamenti alle norme sull’accreditamento e autorizzazioni che proprio in questi giorni stiamo affrontando in commissione Sanità, i minutaggi previsti e la recente normativa regionale sulla videosorveglianza, oltre  ad un passaggio in corsia e con il personale operante.

Insieme al Presidente delle Opere Sociali Giovanni De Filippi, abbiamo potuto verificare come alcune strutture necessitino di manutenzione dai costi ingenti visti i vincoli posti dalla Soprintendenza e come l’altissimo potenziale dell’area non sia ancora stato sfruttato a pieno regime in termini di turismo religioso, che invece potrebbe portare benefici importanti a tutto il territorio di Savona.

Siamo disponibili a farci promotori in Regione per iniziative di rilancio e potenziamento turistico dell’area. In particolare la struttura commercialmente più interessante è la locanda, su cui auspichiamo un intervento di ristrutturazione per renderla operativa e avviare un percorso virtuoso dell’accoglienza. Tutto ciò deve avvenire in un ambito di collaborazione tra tutti i soggetti, a cominciare dagli enti di promozione turistica, anche regionali, nel pieno interesse della comunità savonese.

Andrea Melis, consigliere regionale MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.