Maltempo Rapallo, Tosi e Solari: idea di trattenere IRAP non è ricevibile

“Per quanto ci riguarda, la recente proposta del Consiglio comunale di Rapallo di trattenere l’IRAP 2018, per un anno, al fine di destinare quei fondi alla ricostruzione post ondata di maltempo dello scorso 29 ottobre, è una strada difficilmente percorribile“, hanno commentato Fabio Tosi, consigliere M5S in Regione Liguria, e il consigliere comunale dei 5 Stelle di Rapallo Federico Solari.

L’80% del gettito IRAP finanzia infatti la sanità ligure e pare dunque ovvio che una proposta di questo genere è irricevibile- – fanno sapere -. Creeremmo un precedente e tutti i Comuni in difficoltà punterebbero in quella direzione: ne va da sé che salterebbe il banco della sanità ligure!”

“Sarebbe interessante capire cosa pensano tutti i cittadini liguri di questa proposta, che andrebbe a intaccare la sanità della nostra Regione”, hanno commentato entrambi i consiglieri.

“L’Assessore al bilancio del Comune di Rapallo, nel presentarla, ha definito l’idea fantasiosa: ricordo all’Assessore che il fondo sanitario regionale, pari a 3.247 milioni di euro complessivi per l’anno 2017, è alimentato per l’anno 2018 dalla quota IRAP di 498 milioni di euro circa, dall’addizionale IRPEF di 286 milioni di euro e dalla compartecipazione regionale all’IVA di 2.107 milioni di euro. A questi vanno poi aggiunti i fondi vincolati per la sanità pari a 113 milioni in conto capitale e 89 milioni correnti”, ha aggiunto Tosi,

“Cifre importanti, ossigeno per il già delicato comparto della sanità della nostra Regione. Capiamo le difficoltà del Comune di Rapallo e di tutti gli altri Comuni, che hanno subito un duro colpo dopo l’ultima mareggiata, ma questa strada non è percorribile. A nostro modesto parere, la via maestra è quella del fondo di solidarietà dell’Unione Europea, visto che in questa situazione non c’è solo la Liguria ma tantissime altre regioni italiane”, ha concluso il consigliere regionale.

MoVimento 5 Stelle Liguria

MoVimento 5 Stelle Rapallo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *