Isola Palmaria, Salvatore: no a colate di cemento

“Il rischio che l’ennesimo attacco speculativo stravolga la bellezza paesaggistica della Palmaria e sue fortificazioni militari è purtroppo ancora reale: se non fermiamo la Giunta Toti, non solo l’isola rischia di diventare una Capri ligure con tutta la speculazione edilizia che questo comporterebbe, ma perderemmo anche un territorio di inestimabile valore in termini di ambiente e tipicità – dichiara la capogruppo regionale Alice Salvatore -. Fin dalla prima ora, il M5S è stato a fianco delle associazioni e dei comitati locali: non ci rassegniamo all’idea che l’isola possa essere deturpata da discutibili progetti che non mirano certo a una ragionata valorizzazione del territorio, bensì a un suo totale stravolgimento”.

“Ebbene, il MoVimento dice ‘no’ a chi non ha a cuore le bellezze storiche e naturalistiche dell’isola. Che, qualora la miopia della politica regionale se lo fosse dimenticato, fa parte del meraviglioso Golfo dei Poeti, appartenente al Santuario dei Cetacei, ed è Patrimonio UNESCO oltre che Parco Naturale Regionale. Rappresenta insomma uno degli ultimi angoli di natura praticamente integri della costa ligure. Va salvaguardato con ogni mezzo e noi saremo in prima fila, anche appoggiando la raccolta firme che vuole mettere l’isola al sicuro dagli appetiti edilizi della Giunta Toti. Incoraggiamo chi non lo avesse ancora fatto a firmare”.

————————- Replica a Toti —————————–

“Intanto, il master plan di cui ama parlare Toti è solo un abbozzo. In quanto tale, manca una stima di quelli che potrebbero essere i flussi turistici sull’isola. Poi, quello che invece si sa per certo è che in realtà di cemento ce ne sarà, eccome! In verticale, peraltro, perché Toti intende costruire su resti e rovine che per ora non hanno nessun impatto sull’isola. Edilizia che poi, nel suo insieme, una volta eretta avrà un impatto notevole sia a livello paesaggistico sia naturalistico”, dichiara la capogruppo regionale Alice Salvatore.

“La nostra idea di turismo è all’avanguardia e semmai è Toti che dovrebbe studiare, visto che in quattro anni di governo non ha saputo fare assolutamente nulla per la Palmaria. Non ha saputo valorizzare ad esempio le bellissime e storiche fortezze militari creando magari percorsi di richiamo che invitassero alla loro scoperta; così come non ha saputo valorizzare la biodiversità dell’isola con una promozione a misura che tenesse conto del paesaggio e dell’equilibrio del Golfo dei Poeti”.

“Non c’è nessun bisogno di questo aumento di volumetria edilizia sull’isola. Toti sta vaneggiando! O forse sa bene quello che fa: intende fare l’ennesimo favore ai suoi amici che vogliono edificare sulla Palmaria creando una nicchia di lusso. Scelta che escluderebbe il grosso della popolazione. E soprattutto stravolgerebbe l’ecosistema di un’isola delicata che dovremmo tutelare e consegnare intatta alle future generazioni in tutta la sua meravigliosa bellezza, che conservata e mantenuta renderebbe assai di più – anche e proprio economicamente parlando – come richiamo turistico rispetto al miope e azzoppato master plan”.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.