Asl5, Salvatore: Zanella altra figura non idonea

“L’Asl 5-spezzino sta dando ancora una volta spettacolo: dopo le arcinote vicende che hanno visto la nomina della non idonea direttrice sanitaria Banchero, ora siamo a un nuovo capitolo che aggira le regole! Il poltronificio spezzino vede infatti un cambio ai vertici tutt’altro che trasparente. E mentre in maggioranza si tergiversa per ragioni politiche, la Sanità spezzina subisce con la nomina di Zanella l’ennesima umiliazione e l’ennesimo dramma manageriale che si tradurrà in disservizi”, dichiara la capogruppo regionale Alice Salvatore.

“Ma andiamo con ordine. Il Direttore Generale dell’Asl 5 Andrea Conti ha rassegnato anzitempo le proprie dimissioni andando in pensione, con decorrenza dal 31 maggio 2019. A decorrere dal 1° giugno 2019, dunque, come da indicazioni dello stesso Conti, per rivestire le funzioni lasciate vacanti ha nominato l’attuale Direttore Amministrativo Riccardo Zanella, che i sindaci di Asl5 dichiarano però un “autonominato”. Ebbene, ancora una volta, l’Asl 5 deve subire la nomina di una figura non idonea, non essendo infatti questi inserito nell’elenco nazionale dei soggetti idonei alla nomina a Direttore Generale delle Aziende Sanitarie Locali, delle Aziende Ospedaliere e degli altri enti del Servizio Sanitario Nazionale trasmesso dalla Commissione preposta alla procedura selettiva”.

Zanella, è bene ricordarlo, risulta nominato all’indomani della prima pubblicazione dell’elenco nazionale nel quale il suo nominativo non compare! Il suo nominativo è inoltre assente in tutti i successivi aggiornamenti, l’ultimo dei quali è datato 22 maggio 2019. Insomma l’Asl 5 non ha proprio pace: già è stata vittima di una caotica situazione manageriale legata alla contestatissima nomina dell’attuale direttrice sanitaria, oltre che scenario di un possibile giro di tangenti legato a gare truccate che vede tra gli imputati proprio il Direttore Generale dimissionario”.

Quanto avvenuto in Asl 5 è a tutti gli effetti un’autonomina che impone alla Sanità spezzina una figura dal cursus honorum tutt’altro che brillante, dettaglio che come M5S abbiamo avuto modo di ribadire in Aula quando abbiamo discusso la questione del bando per i letti a movimentazione elettronica”, continua Salvatore.

“Oggi, abbiamo interrogato la Giunta e l’assessore competente sulle ragioni per cui non sono intervenuti presso l’ex Direttore Generale dell’Asl 5 quando ha proceduto a nominare quale suo sostituto una figura che non possiede il fondamentale requisito dell’iscrizione. E abbiamo chiesto quali fossero i motivi per cui continuino a temporeggiare anziché procedere subito alla nomina di un Direttore Generale pienamente legittimato”.

Le risposte ancora una volta sono insoddisfacenti. La triste verità è che l’attuale situazione è dettata da appetiti politici: la Lega tergiversa perché è in atto una lotta intestina per la spartizione della torta! Eppure venerdì 7 giugno alla Spezia c’è stata un’importante e partecipatissima manifestazione di piazza per chiedere una gestione del servizio socio sanitario in Liguria più trasparente, efficiente e adeguato, alla quale ho partecipato con grande convinzione, e che era direttamente indirizzata all’attenzione dell’assessore che – nonostante tutto e tutti – ancora non dà segno di voler cambiare passo”, conclude Salvatore.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *