Referendum elettorale, Salvatore: testo ha diversi punti di illegittimità

“Anche qui, nell’Assembla legislativa della Regione Liguria, un inaccettabile teatrino di vecchia politica su un referendum elettorale. Orchestrato da un solo partito cui molte forze politiche liguri, ora, pare stiano obbedendo supinamente”.

“In poco più di un mese, abbiamo dovuto fare i conti con i capricci di ‘qualcuno’ che, per una foga di ‘pieni poteri’ ha voluto interrompere i lavori di un Governo con il quale aveva rinnovato un impegno di fiducia nemmeno due giorni prima, gettando l’Italia nel caos. Salvini, che nel precedente Governo aveva un ruolo istituzionale altissimo, ha poi dato sfogo a uno scoordinato impulso: da Pontida, ha lanciato la sua proposta referendaria, evidentemente pensata per gli interessi politici della Lega, dimenticandosi ancora una volta dei cittadini”.

“Quel che preoccupa è che qui, in Regione Liguria, ci sia un presidente di Giunta supino alle volontà di quel partito! Toti, con la sua maggioranza, convoca questa seduta di Consiglio nonostante sia stata bocciata in Commissione, solo per votare l’ennesimo testo sbagliato e dannoso per l’Italia”.

“Ma non c’è limite al peggio. Toti va contro la Liguria. Una regione che forse non sente sua essendo toscano e avendo come ben vediamo puntato a essere eletto a Roma. È ogni giorno sempre più lontano dagli interessi dei liguri e della Liguria. Invece di pensare ai tanti problemi della Liguria ci costringe a parlare di cose inutili, che per errori grossolani nella stesura del testo saranno inapplicabili realmente. Tutto per seguire il nuovo ‘capitano’. Ancora più triste è il fatto che il testo di legge elettorale prodotto, di tipo maggioritario assoluto, darebbe il colpo di grazia a tutte le forze politiche minori, tra cui rientra lo sfortunato progetto politico di Toti, in quanto non avrebbero nessuna rappresentanza in Parlamento”.

“Toti vuol far votare una legge che lo cancellerebbe dal Parlamento. Siamo alla follia politica. E anziché occuparsi della Liguria, gira in lungo e in largo per promuovere la sua nuova avventura politica che, tuttavia, evidentemente in affanno, per sopravvivere deve sottostare ai dictat del bizzoso capo politico di Pontida. Questa Giunta e questa maggioranza oggi ci costringono a sprecare risorse: il testo presentato è irricevibile e sarà bocciato dalla Corte Costituzionale come indicato dall’avvocato Besostri, la professoressa Trucco e il professor Pericu. Sarà un inutile spreco di tempo e denaro: il tutto per promuovere una propaganda che non serve a niente alla Liguria”.

Così, la capogruppo regionale Alice Salvatore esponendo in Aula la pregiudiziale e la sospensiva sottoscritta dal Gruppo 5 Stelle in Regione Liguria sul referendum elettorale proposto.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.