Rischio idrogeologico, De Ferrari: caso torrente Serra desta grande preoccupazione

“Con l’interrogazione di oggi abbiamo evidenziato ulteriormente l’estrema fragilità del nostro territorio e la necessità di agire preventivamente per arginare le criticità collegate al dissesto. Il caso particolare portato all’attenzione dell’assessore è rappresentato dal torrente Serra (nel Comune di Serra Riccò), dove a tutt’oggi è in essere un’area parcheggio che praticamente insiste nell’alveo del corso d’acqua. Con varie criticità che abbiamo potuto appurare in occasione di un recente sopralluogo nel sito”. Così, il consigliere regionale Marco De Ferrari, che ricorda: “Nel corso degli anni ’80, l’ampio alveo del Serra è stata ridotto di circa 4 volte”.
Successivamente sono stati numerosi gli interventi a spese della collettività – continua De Ferrari -: anche in somma urgenza e per evitare ulteriori gravi danni (dal ripristino di muraglioni distrutti anche se appena costruiti ai fondi dei palazzi allagati, da saracinesche sfondate alla rottura delle briglie) e la situazione risulta ancora oggi preoccupante”.
“Le preoccupazioni dei residenti sono molteplici: fra queste, il traffico dei mezzi pesanti e le conseguenti vibrazioni sulle infrastrutture, causate anche dalla velocità dei mezzi stessi”.
“Come M5S crediamo sia opportuno aiutare quest’area a diventare un’area di verde pubblico per la cittadinanza, come anche previsto dal nuovo PUC comunale di luglio 2018, rispetto all’attuale destinazione industriale, in un’area che di fatto viene utilizzata come fosse un retroporto”.
“Dovesse mai presentarsi un’emergenza idrogeologica (non dimentichiamo che siamo appena usciti da allerte rosse e arancioni delle ultime settimane) i danni rischiano di essere ingenti, con l’aggravante di compromettere e inquinare un territorio già di per sé fragile”.
“Le preoccupazioni della cittadinanza sono assolutamente legittime e Regione Liguria deve tenerne conto, anche in qualità di cabina di regia sugli enti locali coinvolti. Per questo suggeriamo la costruzione di un tavolo tra Regione Liguria e Città Metropolitana, il Comune interessato, nonché l’Autorità portuale e il Demanio per spostare l’area parcheggio dei container in sito idoneo e l’auspicata riqualificazione dell’area con la sua definitiva messa in sicurezza“.
“Ribadiamo – conclude De Ferarri – che oltre all’indispensabile protezione civile, serve far muovere la macchina, altrettanto indispensabile, della prevenzione in un’ottica di massima resilienza dei territori, per una concreta prevenzione civile”.
MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.