Covid-19, Tosi: somme risparmiate dai buoni pasto destinate a iniziative solidali

“Dal 9 marzo in poi, le disposizioni per la riduzione della diffusione del contagio da Coronavirus hanno via via accresciuto il numero di dipendenti regionali che lavorano in modalità di “lavoro agile”: in conseguenza a ciò, si è al contempo generata anche una riduzione dei buoni pasto usualmente distribuiti ai lavoratori. Da norme vigenti, infatti, la modalità “smart” non permette la maturazione del diritto a riceverli. Ciò dunque comporta un risparmio da parte della Regione rispetto a risorse già messe a bilancio: da fonti ufficiali, risulta che sono circa 1.200 (ovvero l’80% del totale) i dipendenti di Regione Liguria che dall’inizio dell’emergenza Coronavirus continuano il loro lavoro da remoto, cioè da casa. E sappiamo anche che questa modalità organizzativa potrebbe essere prolungata, vista l’emergenza in corso”, fa sapere il vicecapogruppo M5S in Regione Liguria e candidato alle Regionali 2020, Fabio Tosi.

“Come verranno allora utilizzati quei fondi? Pensando a chi in questo periodo si trova a dover fare i conti con ingenti difficoltà economiche, presenterò al Consiglio regionale di domani 21 aprile un Ordine del giorno che impegna la Giunta ad attivarsi su due fronti. Nel rispetto della normativa vigente e previo confronto con le organizzazioni sindacali per individuare al meglio i destinatari dell’iniziativa, ritengo si debbano destinare le risorse risparmiate dalle somme corrispondenti ai buoni pasto a iniziative solidali (come l’acquisto di beni di prima necessità) verso le fasce più deboli della popolazione. L’Odg invita altresì la Giunta a compiere un’opera di sensibilizzazione riguardo a iniziative analoghe nei confronti degli Enti Locali della Regione, anche attraverso il coinvolgimento di Anci Liguria”, conclude Tosi.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *