Caso Morra, Tosi: fa ridere l’odg del cdx, che quotidianamente ricorre ad insulti

ODG MORRA, TOSI (M5S): “FA RIDERE L’ORDINE DEL GIORNO DEL CENTRODESTRA, CHE QUOTIDIANAMENTE RICORRE AGLI INSULTI! SE INVECE FOSSERO COERENTI, CHIEDEREBBERO ANCHE A TOTI DI DIMETTERSI”

Genova, 23 febbraio 2021 – “Il centrodestra si copre di ridicolo! L’ordine del giorno del consigliere Vaccarezza, che ancora una volta strumentalizza le parole del senatore Nicola Morra in merito alla compianta governatrice della Calabria Jole Santelli, cozzano visibilmente con i post e le esternazioni che lo stesso centrodestra non ha risparmiato agli esponenti delle forze politiche della minoranza, e non solo. Le parole del senatore Morra sono state infelici, è vero ed è innegabile, e fu lui stesso a riconoscere l’errore e a scusarsi. Dopo le esternazioni della maggioranza, non possiamo che dire: “ma da che pulpito!”. Cosa dovremmo dire infatti noi o quei tanti cittadini che spesso sono stati offesi dal presidente di Regione? Non ricordiamo parole di scuse e tantomeno di indignazione di Vaccarezza & C”.

Lo dichiara il capogruppo regionale Fabio Tosi. Che poi ricorda: “Indimenticabile l’epiteto “idioti” riservato ai sestresi perché affollavano le vie cittadine in piena emergenza; o di malato mentale al sottoscritto, quando lo scorso marzo segnalai il problema degli assembramenti in Riviera; o di “sciacalli”, quando sollevammo dubbi sui contagi in Liguria. Vale anche ricordare le offese rivolte alla sindaca di Roma Virginia Raggi, allorché un quotidiano notoriamente amico del centrodestra le riservò la prima pagina con il titolone “Patata bollente”. Parole pesantissime contro cui non ricordo prese di posizione da parte del centrodestra”.

“Non riteniamo che Nicola Morra debba rassegnare le dimissioni: è un ottimo presidente della Commissione Antimafia. Se dovessimo avallare questa richiesta, allora anche il presidente di Regione Giovanni Toti dovrebbe fare altrettanto: dimettersi. A maggior ragione, peraltro, visto che Toti mai si è scusato per le ripetute cadute di stile consegnate ai social e puntualmente riportate dalla stampa”.

“Che dire? Siate almeno coerenti. Perché francamente ci sembrate come il corvo che dice al merlo “come sei nero!”, conclude Tosi.

Movimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *