Centrale Enel La Spezia, Ugolini: MiTE ha chiesto di valutare alternative al gas, ma Toti non si pronuncia

CENTRALE ENEL LA SPEZIA, UGOLINI (M5S): “MITE HA CHIESTO A REGIONE DI VALUTARE ALTERNATIVE AL GAS. GIUNTA TOTI PERÒ NON SI PRONUNCIA. ATTEGGIAMENTO AMBIGUO”

Genova, 13 aprile 2021 – “Recentemente, il Ministero per la transizione ecologica ha chiesto ad Enel di valutare, tramite studi, alternative al gas: la medesima nota sarebbe stata trasmessa anche al Comune di la Spezia e Regione Liguria, che avrebbero però omesso di rendere pubblico il contenuto. In questa fase delicatissima in cui i cittadini chiedono risposte e date certe, constatiamo come la Regione affermi di non volere il gas ma lo faccia solo a parole: all’atto pratico, infatti, nicchia e non informa la popolazione sulle sue intenzioni. In merito oggi in Consiglio regionale abbiamo dunque chiesto all’assessore competente se Regione intende impostare sin da subito, in virtù dei propri poteri d’intesa ribaditi peraltro dalla Corte Costituzionale, una transizione energetica della centrale al 2025 fondata sulle fonti rinnovabili. E se intende sollecitare il nuovo Governo all’avvio di un tavolo di concertazione che coinvolga tutte le parti interessate al fine di evitare il protrarsi della centrale a carbone spezzina e il nuovo progetto di centrale a gas”.

Così, il consigliere regionale Paolo Ugolini, che poi spiega: “L’assessore ha risposto che Regione ha già avviato un tavolo tecnico per la riprogrammazione del piano. Peccato che abbia poi omesso di rendere note le date di questi di questi colloqui e i relativi interlocutori. Ancora una volta, Regione volutamente non si pronuncia ed è attendista: il motivo è forse da ricercare nel fatto che la Giunta Toti è da sempre sponsor dichiarata del progetto del turbogas voluto da Enel?”.

“Il gas non è l’unica risposta ed Enel, insieme a Regione e al Comune, si impegni a trovare alternative come richiesto dal MITE: in merito, peraltro, ricordiamo lo studio di Carbon Tracker che dimostra come il gas, oltre che inquinante, non sia competitivo con le rinnovabili. Lo studio infatti dimostra come le nuove centrali a gas potrebbero non solo mettere a rischio gli obiettivi climatici del paese, ma anche far aumentare le bollette degli utenti”, conclude Ugolini. 

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *