Carenza personale Asl5, Ugolini: Regione non sembra avere un piano

CARENZA PERSONALE ASL5, UGOLINI (M5S): “REGIONE NON SEMBRA AVERE UN PIANO DI RIORGANIZZAZIONE PER USCIRE DALL’EMERGENZA”

Genova, 18 maggio 2021 – “Alla nostra interrogazione sulla cronica e ormai urgente carenza di personale medico e infermieristico in ASL5 e in particolare nel San Bartolomeo di Sarzana, l’assessore alla Sanità ha risposto che siamo di fronte a un noto male endemico della sanità nazionale. I numeri illustrati in Aula, e cioè i 65 infermieri da assumere a tempo determinato e che risulteranno dalle procedure di selezione in capo alla società incaricata di reperire risorse umane, mettono in evidenza come l’Ente stia solamente mettendo una toppa al sistema delle carenze di cui soffre questa Asl senza però risolvere il problema a monte”.

Così, il consigliere regionale Paolo Ugolini.

“Occorrerebbe invece un progetto di riorganizzazione per arginare le criticità prima che diventino emergenza: in questo momento, ad esempio, il San Bartolomeo, ospedale Covid, non ha un numero sufficiente di infermieri nel reparto di rianimazione da poter così garantire il necessario rapporto infermieri-pazienti, utile a prestare cure adeguate. Questo quadro era noto da tempo, come hanno ripetutamente denunciato le sigle sindacali”.

“Le carenze, infatti, segnalate a tempo debito sia dall’OPI (Ordine delle Professioni Infermieristiche) che dal Nursind, vanno imputate alle inefficienze nel reclutamento del personale infermieristico, il quale avrebbe dovuto essere potenziato già ad aprile 2020 grazie a un bando di mobilità di infermieri extraregione verso ASL5, di cui invece, pur essendo state svolte le procedure di valutazione dei curricula dei candidati, non è stata ancora redatta una graduatoria definitiva”.

Grave che dopo oltre un anno e nonostante le promesse, Regione sia ancora ferma alla casella delle graduatorie, tutte ancora da formulare, e stia ragionando in termini di contratti a tempo determinato. Nel frattempo, nei nosocomi spezzini, e non solo, non viene garantito il necessario rapporto infermieri-pazienti utili a prestare adeguate cure nel setting della rianimazione”, conclude Ugolini.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.