Reddito di cittadinanza, Tosi a Lega: va misurato in benefici per chi ha bisogno

REDDITO CITTADINANZA, TOSI (M5S) REPLICA A LEGA: “CHI SBAGLIA, PAGA. MA LA BONTÀ DEL RDC NON VA MISURATA IN TRUFFE, MA IN BENEFICI PER CHI HA BISOGNO. E I SECONDI SONO INFINITAMENTE PIÙ NUMEROSI DELLE PRIME”

Genova, 18 luglio 2022 – “Le bordate contro il Reddito di cittadinanza non fanno che confermare quanto sia in malafede chi milita nella Lega, che non perde occasione per mostrare tutto il suo livore: la misura del RdC non fa affatto “acqua da tutte le parti”! Anzi. Se chi controlla, stana chi non ne ha diritto… tanto meglio. Vuol dire che le forze dell’ordine fanno egregiamente il loro mestiere e su questo non abbiamo mai avuto dubbi”.

“Cari leghisti, la bontà del Reddito non va misurata in “truffe”, i cui numeri sono comunque irrisori rispetto alla percentuale di cittadini onesti che ne hanno piena titolarità: i percettori abusivi, infatti, sono poco più dell’1% sul totale. Va invece misurata in benefici per chi ha sempre sofferto e ora grazie al M5S può mettere in tavola qualcosa in più. E può finalmente sottrarsi ai ricatti di chi li vorrebbe tenere in una condizione di perenne indigenza per poi ricattarli con paghe da fame”.

“I leghisti, piuttosto, che si scaldano solo quando si parla di percettori, dicano quali misure hanno promosso nel loro lungo passato governativo per aiutare chi non ce la fa. In questi anni abbiamo sentito tanti discorsi, ma pochi se non zero fatti. Come a zero, e da sempre, stanno le loro parole su evasione fiscale e altri tipi di frodi”.

Lo dichiara il capogruppo regionale del M5S Fabio Tosi.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.