Gronda, Rixi e Toti sproloquiano su progetti superati

GRONDA, M5S REPLICA A RIXI: “RIXI SPROLOQUIA DI GRONDA TRASCINATO DALLE PROPRIE AMBIZIONI PERSONALI A SCAPITO DEI REALI BISOGNI DEI CITTADINI”

Genova, 19 settembre 2022 – “La Gronda ferma per volere del M5S? Ma a che gioco sta giocando Rixi? Rammentiamo all’esponente del Carroccio che sui “no” il suo partito è campione in base alla convenienza del momento. Illustrando il programma per le Comunali genovesi del 2012, ad esempio, ebbe a dichiarare che le “priorità” erano le famiglie e non (ripetiamo: non!) “la Gronda e la moschea”. Oggi, invece, torna sulla questione con un approccio diametralmente opposto, dicendo peraltro falsità, e le sue parole confermano quanto sapevamo da tempo: è talmente trascinato dalle proprie ambizioni personali da aver perso contatto con la realtà, anche all’interno dell’elettorato della Lega”. 

“Umilmente, ci permettiamo di ricordare a Rixi che se oggi, con i suoi fedelissimi, fosse sceso in piazza, tra la gente, avrebbe compreso che le priorità in questo momento sono altre. E si chiamano, in ordine sparso: caro bollette, assistenza a chi non ce la fa e in particolare alle famiglie con bambini disabili che il centrodestra ligure continua a ignorare nonostante la vuota propaganda, salute, pari opportunità, lavoro e salari dignitosi”.

Lo dichiarano i candidati del M5S alle Politiche 2022.

MoVimento 5 Stelle


M5S REPLICA A TOTI: “IL PRESIDENTE DELLA LIGURIA VIVE NEL PASSATO E SI AGGRAPPA A PROGETTUALITÀ ORMAI SUPERATE”

Genova, 19 settembre 2022 – “Il presidente della Regione Liguria, dall’alto (!) del suo zerovirgola a livello nazionale, ha un bel coraggio! Come il suo sodale Rixi, anche lui oggi ha sproloquiato di Gronda e dichiarato il falso sul “no” del M5S all’indirizzo dell’infrastruttura. Diciamolo una volta per tutte: la Gronda si deve fare? Sì, ma anche un bambino capirebbe che quel progetto va rivisto con gli occhi del presente: quello su cui si sono invece fissati i Toti, i Rixi, le Paita e compagnia cantante (tutte facce della stessa medaglia), è vecchio di 30 anni e nel frattempo il mondo è cambiato. O forse Toti non si è accorto che non siamo più nel secolo scorso… Pensa che la Liguria sia ferma alle esigenze dei primi anni Novanta?”.

Così, i consiglieri regionali del M5S con i candidati pentastellati alle Politiche 2022.

“Non solo: nella sua boutade quotidiana, sparata giusto per dar fiato alle trombe nella giornata che ha visto Giuseppe Conte a Genova, in mezzo alla gente per la gente che chiede soluzioni per il quotidiano, Toti racconta fandonie in merito al Terzo Valico e alla Diga. Il presidente della Liguria dimentica, anzi, che se oggi si parla di Diga, lo si fa grazie ai fondi portati in Italia da Conte. Soldi per il Pnrr su cui ora la destra si sta accapigliando per poterli gestire e poterseli spartire”.

“Rammentiamo poi a Toti che grazie a quelli del “no a tutto”, come puerilmente si ostina a definirci, è stato possibile ricostruire il nuovo Ponte sul Polcevera in tempi record. Il tutto grazie a un modello pensato per far fronte a un’emergenza nazionale superando i lacci e lacciuoli della burocrazia. Il tutto, però, senza mai dimenticare la legalità, quella che Toti propose di accantonare con un “via tutto per due anni” (raramente abbiamo assistito a un’uscita più infelice)”. 

“Anziché sviare l’attenzione puntando il dito sugli avversari dispensando patenti con la consueta arroganza che lo contraddistingue, Toti dica, oggi, se ha risposte concrete per la Liguria: pensiamo ai lavoratori dell’Ansaldo; pensiamo al riparto del Fondo Sanitario nazionale, che penalizza la Liguria nonostante al Ministero ci sia un suo sodale, già indicato come possibile futuro assessore a quella Sanità che Toti non ha saputo gestire; pensiamo alla salute e alle cure, che in Liguria non sono garantite, visto che per avere determinati esami o prestazioni i cittadini devono aspettare un anno, che però magicamente diventa una settimana per chi ha le tasche robuste e può rivolgersi al privato”. 

MoVimento 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *