Punto nascite di Pietra, Tosi: ancora chiuso

PUNTO NASCITE PIETRA, TOSI (M5S): “ALLE PROMESSE NON C’È MAI FINE. MA I FATTI DICONO CHE È ANCORA CHIUSO. RIAPRIRÀ A DICEMBRE? FORSE…”

Genova, 5 ottobre 2022 – Il Punto Nascite di Pietra Ligure sarà riaperto… “entro il 21 settembre o al limite qualche settimana dopo”. Chi ha detto ciò? Il presidente della Regione. Quando? A luglio. Prima ancora, a maggio, aveva però assicurato che sarebbe stato riaperto “entro l’estate”, senza aggiungere dei “dopo”. Ebbene, siamo a ottobre quindi ci siamo? No. Infatti, scopriamo che la tempistica, come informa l’Asl in una nota, slitta ancora: se riaprirà, sarà a dicembre 2022. Quello cui stiamo assistendo è un film ormai trito, basato su un copione di rinvii centellinati e di ripetute promesse puntualmente disattese. La realtà, infatti, ci dice che il Punto nascite è ancora chiuso e che a centinaia di famiglie in attesa non si danno risposte e tanto meno certezze. Crediamo sia ormai improcrastinabile che il Presidente di Regione nonché assessore alla Sanità chiarisca in Aula quali sono gli ostacoli alla riapertura del Punto chiuso a novembre 2020: come M5S Liguria, depositeremo un’interrogazione”.

Lo dichiara il capogruppo regionale del M5S Fabio Tosi. Che poi aggiunge: “Toti illustri nel dettaglio quanto fatto da Asl2: qualcosa chiaramente è andato storto, visti gli ormai tempi biblici di una riapertura doverosa e attesa da tempo. Ricordiamo anche che è dal 9 novembre 2020 che sentiamo parlare di “chiusura temporanea” e di “sospensione momentanea” dell’attività del Punto nascita di Pietra Ligure, che è invece essenziale e non può più essere congelata”.

“Giova inoltre ricordare, come avevamo peraltro dichiarato in una nostra nota, che a novembre 2021 Toti aveva dichiarato in pompa magna che stava “lavorando per riaprire in tutta la Liguria i punti nascita, che erano stati chiusi a causa del Covid, in collaborazione con il Gaslini”. E aveva aggiunto: “sarà una grande operazione strutturale che porterà i benefici della qualità del Gaslini in tutte le aziende sanitarie del nostro territorio, compresa ovviamente Pietra Ligure. Caro presidente, il Ponente sta ancora aspettando…”.

MoVimento 5 Stelle Liguria


PUNTO NASCITE PIETRA LIGURE, TOSI (M5S): “RIAPERTURA A DICEMBRE. FORSE. RISORSE UMANE PERMETTENDO. FINO A QUANDO ASSISTEREMO A QUESTO BALLETTO?”

Genova, 11 ottobre 2022 – “Certificato, se mai ce ne fosse bisogno, il fallimento delle politiche sociosanitarie del centrodestra ligure. La prova provata è arrivata oggi in Aula grazie alla risposta alla nostra interrogazione per avere chiarimenti in merito alla riapertura del Punto nascite del nosocomio di Pietra Ligure. La vicenda è ormai arcinota: chiuso a novembre 2020, abbiamo assistito in questi due anni a continue promesse di riapertura… imminente. Ma si è trattato delle proverbiali promesse da marinaio e infatti sono state tutte puntualmente disattese. Siamo infatti passati dalle rassicurazioni per la primavera 2022 allo slittamento verso luglio, quindi al dietrofront per settembre 2022 “o al limite qualche settimana dopo” e infine a una nuova calendarizzazione per dicembre 2022. Salvo – scopriamo oggi – rinunce delle risorse umane necessarie per la riapertura del Punto nascite”.

Lo dichiara il capogruppo regionale del M5S Fabio Tosi.

“Irricevibile che oggi la Giunta di fatto ammetta che anche l’ultima data ventilata dall’assessore competente potrebbe essere soggetta a ulteriori ritardi. E meno male che siamo nel solco di una forza politica che si spertica in proclami pro-famiglia. Chissà cosa diranno le future mamme del savonese, che pensavano fosse ormai imminente il poter dare alla luce i propri figlioletti nell’ospedale più vicino del loro territorio. Per non parlare delle tante mamme che in questi mesi hanno partorito in ambulanza, perché impossibilitate a raggiungere altri ospedali causa traffico da flussi turistici e relativi ingorghi autostradali”.

“Convenientemente, anche oggi l’assessore (fortunatamente uscente) alla Sanità non era in Aula per rispondere alle interrogazioni che gli competono. In sua vece, come da copione ben collaudato, l’assessore delegato. Ma si sa… la Sanità in Liguria è scottante e gestirla è da sempre una grana, anche perché ormai chi la tocca si brucia persino il consenso elettorale, come hanno ben dimostrato le urne dello scorso 25 settembre”.

MoVimento 5 Stelle Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *